Corsi Meditazione

CORSO Permanente DEL MERCOLEDI’

orario: 19,30 – 21,00
Luogo: La città dell’utopia – via Valeriano 3/f (metro B – San Paolo).
Primo incontro di prova gratuito.

CORSO Permanente DEL LUNEDI’

orario: 19,15 – 20,45
Luogo: Presso il Secondo Centro di Terapia Cognitivo Interpersonale, Via Nomentana, 257, 00161 Roma.
Primo incontro di prova gratuito.

STRUTTURA DEGLI INCONTRI:
durata: 1 ora e mezza circa
MEDITAZIONE SEDUTA: 40 min. (samatha e vipassana)
LETTURE E COMMENTI: per discutere sulla teoria di quello che facciamo nella meditazione
DOMANDE E RISPOSTE: libere per chiarirci meglio le idee.

Durante gli intensivi pratichiamo meditazione seduta alternata a meditazione camminata.
Per intensivo si intende un incontro di meditazione seduta alternata a meditazione cammina dalle 9,30 alle 16 circa.

 

Nuovo programma 2018/-2019

Quest’anno il programma verterà sul testo di Jospeh Goldstein Mindfulness della casa editrice Astrolabio-Ubaldini.

Descrizione della casa editrice: Basato sul ‘Satipatthana sutta’, il celebre discorso del Buddha sui quattro fondamenti della presenza mentale che ha ispirato la pratica contemporanea della vipassana, questo libro fornisce una guida esauriente alla meditazione di consapevolezza, o mindfulness, intesa come via verso il risveglio. Ricco di riferimenti alle parole originarie del Buddha, agli insegnamenti di molti maestri buddhisti di varie tradizioni, e all’esperienza personale, il libro insiste sullo scopo pratico della dottrina: trasformare la propria vita e il proprio modo di pensare per realizzare la libertà interiore.
Questo è il link per acquistare il libro: Mindfulness
JOSEPH GOLDSTEIN è tra i più noti maestri di meditazione vipassana americani, con oltre quarant’anni di pratica e insegnamento. Cofondatore dell’Insight Meditation Society di Barre, Massachussetts, è anche autore di vari testi sulla pratica meditativa buddhista.
PROGRAMMA 2017/2018
Quest’anno vorremo approfondire la domanda “Perché praticare?” 
per  comprendere cosa è la sofferenza, la sete, la cessazione e il sentiero, ovvero le  Quattro Nobili Verità (4NV).
A partire da settembre e fino a dicembre, vorremmo esporre il percorso graduale “antico”, cioè illustrare e approfondire i Sette Fattori del Risveglio. Questo ci permetterà di fare esperienza diretta dell’integrazione  samatha/vipassana come motore della pratica:  da un lato sviluppare la calma e il samadhi dà il sapore del Nirvana, e per contrasto fa comprendere cosa significa sofferenza e “sete”; dall’altro potremo chiarire come funziona il lavoro di vipassana/comprensione, sia come preparazione al samadhi, che come apprendimento degli ostacoli alla calma gioiosa del samadhi e della liberazione.
In questo modo, supereremo i dubbi e i fraintendimenti che nascono quando si parla di “sofferenza” e “sete”: avremo fatto esperienza diretta della tendenza (così difficile da vedere!) a cercare fuori, e a dipendere emotivamente dal contingente per essere felici.
Da qui (probabilmente da gennaio prossimo) inizieremo a lavorare sulle Nobili Verità, e sull’Ottuplice Sentiero.

 

 

Descrizione del corso 2016-2017 (anno passato):

1. Non-Sé, attaccamento e desiderio

2. Non-Sé, attaccamento e desiderio

3. Il paṭiccasamuppāda: l’origine interdipendente dei fenomeni e della persona

4. Il paṭiccasamuppāda: l’origine interdipendente dei fenomeni e della persona

5. I 4 Brahmavihāra [le dimore sublimi]:  praticare la meditazione di gentilezza amorevole

6. I 4 Brahmavihāra [le dimore sublimi]:  praticare la meditazione di compassione

7. I 4 Brahmavihāra [le dimore sublimi]:  praticare la meditazione di gioia altruistica

8. I 4 Brahmavihāra [le dimore sublimi]:  praticare la meditazione di equanimità

9. I 7 Fattori del Risveglio: la consapevolezza

10. I 7 Fattori del Risveglio: Analisi e investigazione

11. I 7 Fattori del Risveglio: l’impegno o l’energia

12. I 7 Fattori del Risveglio: la quiete

13. I 7 Fattori del Risveglio: la concentrazione o stabilità mentale

14. I 7 Fattori del Risveglio: l’equanimità

 

Descrizione del corso 2015-2016 :

Otto passi per il buon vivere

Con il nuovo anno inizieremo a trattare l’Ottuplice Sentiero, ossia gli aspetti che secondo Siddhartha Gautama il Buddha, dovremmo curare per risolvere la sofferenza esistenziale nelle nostre vite.

Si tratta di un percorso di ricerca, centrato sulle nostre azioni e sui valori che possono ispirarle. Non si tratta di una serie di dogmi, quanto piuttosto di una guida pratica.

Anche se la tradizione parla di Otto Passi, non vanno intesi in sequenza: ogni aspetto va curato contemporaneamente agli altri perché l’uno illumina l’altro, e spesso lo implica.

1 Comprendere a fondo

Il primo passo riguarda la coltivazione della saggezza: quanto abbiamo chiare le idee su quello che ci circonda? Viviamo in base a idee distorte su di noi o su chi ci sta accanto? Cosa è importante e cosa no?

2 Coltivare la giusta intenzione

Quali sono i principi che possono ispirare le nostre azioni? Legato strettamente al passo precedente, coltivare le intenzioni “giuste”, ossia sagge, è il ponte che lega teoria e pratica. È necessario che sia un onte solido, se vogliamo trasportare la merce preziosa della nostra saggezza nella vita quotidiana.

3 Quale etica?

Parlare di etica è difficile, complesso e plurale. Il Dharma propone diversi approcci all’etica, che cercheremo di illustrare. Ci soffermeremo soprattutto sull’etica intesa come cura di sé e degli altri.

4 Parole, parole, parole

Nella nostra vita le relazioni sono fondamentali. Costruiamo, manteniamo, curiamo o interrompiamo le nostre relazioni attraverso il linguaggio. Cercheremo di approfondire come questo influisca sulla felicità nostra e altrui.

5 Lavorare nobilita l’uomo

Nella pratica spirituale è fondamentale guadagnarsi da vivere onestamente, ma è importante riconoscere come la nostra quotidiana pratica lavorativa possa diventare materia di pratica e di felicità.

6 L’impegno

Il Dharma è soprattutto una psicologia, e il “retto impegno” o “retto sforzo” si riferisce a dedicare energie in quattro direzioni: uscire dalle situazioni che creano sofferenza, prevenire la sofferenza, costruire le circostanze della felicità, e mantenersi in essa.

7 Consapevolezza

Sulla consapevolezza abbiamo parlato si dall’inizio, ma come sappiamo, c’è sempre qualcos’altro da dire.

8 Concentrazione

Come per la consapevolezza, cercheremo di approfondire alcuni aspetti della pratica concentrativa, accennando alle cosiddette esperienze di vetta e di flusso (flow)

 

One Reply to “Corsi Meditazione”

  1. Mario Russo

    Molte volte ho cercato di far entrare la meditazione nella mia vita. Ma c’è sempre stato qualcosa in me o nell’ambiente che me lo ha impedito. Per quanto riguarda l’ambiente, forse ho sempre avuto esperienze nelle quali c’era o un eccesso di religiosità o un eccesso di scientificità, di “occidentalizzazione”.
    Sarei curioso di provare di nuovo presso il vostro Centro.
    Mi sembra, almeno dal sito, che vi poniate in un modo adatto alla mia sensibilità

Lascia un commento