Interdipendenza, la chiave per una visione complessa

InterdipendenzaProviamo a trattenere il respiro. Quanto possiamo farlo? Un minuto, due se siamo allenati. Ignoro quale sia il record di apnea, ma so per certo che per arrivare a tre o quattro minuti senza aria occorre un duro allenamento. È evidente che l’ossigeno ci è indispensabile, e che inoltre deve essere in una precisa proporzione rispetto al resto dei gas che respiriamo, perché possiamo continuare a vivere. Dipendiamo dall’ossigeno, ovviamente.

È un’esperienza altrettanto comune che gli esseri viventi dipendano dal cibo e dall’acqua per sopravvivere, e certamente noi esseri umani (per quanto vorremmo) non facciamo eccezione. Tanto il cibo che l’acqua, come l’ossigeno, sono parte di una serie complessa di scambi tra noi e il nostro ambiente. Gli scarti di qualcuno sono cibo per altri, e molto più spesso qualcuno è cibo per qualcun’ altro: la catena alimentare, come ricordiamo dalle lezioni di biologia a scuola, è un sistema in cui prede e predatori dipendono gli uni dagli altri per sopravvivere. Ogni squilibrio si ripercuote sull’intero ciclo. Ogni elemento di questo sistema dipende dagli altri, è tanto causa che effetto, in un ciclo infinito. Continue Reading →